Da Omero in poi, le parole composte con il suffisso Philo
servivano a descrivere l'atteggiamento di chi faccia coincidere il proprio interesse, il proprio piacere, la propria ragione di vita con una determinata attività.
Pierre Hadot

Scuola ABOF
Programma quadriennale
Ammissioni
Docenti e collaboratori
Calendario lezioni
 
Scuola MITOBIOGRAFICA
 
Centro culturale Philo
Calendario eventi
Archivio eventi
Pratiche filosofiche
 
Sportelli per l'ascolto
 
Pubblicazioni Philo
Sede
 
NEWSLETTER
SITI CONSIGLIATI
HOME PAGE

 

<< vai alla pagina Archivio eventi

 

sabato 4 marzo 2017 – ore 9.00-13.00 e 14.00-18.00

 

La poesia come conoscenza di sé
La parola, la scrittura, il mondo


Seminario con Stefano Raimondi

 

Scarica la locandina

 

La poesia sa come raccontarci per apparizioni e rimandi, per segreti ed esplosioni con la necessità di essere vera per abbondanza. La poesia è una conoscenza di sé attraverso una continua scelta delle parole per dirla: usa parole rubate alla dimenticanza, alle visioni di notti perdute. La poesia racconta le storie levando il passo alla disattenzione e alla distrazione. La poesia è un’attenzione alla cura della lingua e del linguaggio; è una salvaguardia per la parola che, tramite essa, viene salvata dalla dall’usura del quotidiano. La scrittura poetica porta alla conoscenza del proprio respiro e del proprio “stare” al mondo, attraverso le emozioni e il progetto che le parole imbastiscono per dirlo.
La poesia fa aspettare! Mettersi attesa è ciò che la parola poetica compie per restare viva. La sua conoscenza è rivelazione, è scrittura, è epifania, è stupore: è una sorta di rimpatrio e di ri-conoscimento di sé, dell’umano e del mondo.

 

Costo e modalità di iscrizione
Costo 60 euro, iscrizioni entro il 23 febbraio 2017. Le quote versate all’atto d’iscrizione non saranno rimborsate in caso di mancata partecipazione al corso, con la sola eccezione di sospensioni decise unilateralmente da Philo. È necessario iscriversi scrivendo a info@scuolaphilo.it. Min. 10, max 25 partecipanti.

 

Stefano Raimondi (Milano, 1964) poeta e critico letterario, laureato in Filosofi a all’Università degli Studi di Milano. Sue poesie sono apparse nell’“Almanacco dello Specchio” e su “Nuovi Argomenti”. Ha pubblicato Invernale (1999); Una lettura d’anni, in Poesia Contemporanea. Settimo quaderno italiano (2001); La città dell’orto (2002); Il mare dietro l’autostrada (2005); Interni con finestre (2009); Per restare fedeli (2013). È inoltre autore di saggi su Vittorio Sereni e René Char (2007). È tra i fondatori dell’Accademia del Silenzio ed è autore del taccuino Portatori di silenzio (2012).

 

Sede: Philo – Pratiche filosofiche, via Piranesi 12 – Milano – piano I

Passante Ferroviario/Porta Vittoria – Autobus/73 e 90 – Tram/12-27