Da Omero in poi, le parole composte con il suffisso Philo
servivano a descrivere l'atteggiamento di chi faccia coincidere il proprio interesse, il proprio piacere, la propria ragione di vita con una determinata attività.
Pierre Hadot

Scuola ABOF
Programma quadriennale
Ammissioni
Docenti e collaboratori
Calendario lezioni
 
Scuola MITOBIOGRAFICA
 
Centro culturale Philo
Calendario eventi
Archivio eventi
Pratiche filosofiche
 
Sportelli per l'ascolto
 
Pubblicazioni Philo
Sede
 
NEWSLETTER
SITI CONSIGLIATI
HOME PAGE

 

<< vai alla pagina Eventi

 

martedì 16 maggio 2017 – ore 21.00

 

Fatti vivo

 

Chandra Livia Candiani in dialogo con

Daniela Bonelli Bassano, Nicole Janigro, Romano Màdera, Giorgio Morale

 

ingresso libero

 

Scarica la locandina

 

Presentazione del nuovo libro di Chandra Livia Candiani

Fatti vivo (Einaudi 2017)

 

Presso: Frigoriferi Milanesi, Sala Carroponte, via Piranesi 10 – Milano

 

La bambina pugile è tornata.
La riconosciamo, la ritroviamo con la sua insonnia, la sua febbrile sensibilità, le sue debolezze e la sua incredibile forza. La seguiamo in un percorso poetico che evoca una sorta di narrazione emblematica.
Si parte dalla casa.
La vita di una persona emana dagli spazi dove è cresciuta.
Portone, finestre, pavimenti, muri, scrivania, frigo, letto e così via: la bambina è come diffusa nelle cose, negli oggetti che l’hanno accolta.
Poi esce nel mondo e deve inventarsi gli strumenti per percepirlo.
Il libro diventa un viatico per “saper leggere le stelle / ma non la grammatica”.
O forse, più che guardare il mondo con occhi diversi, il passo ulteriore è essere il mondo: essere piuma, essere nuvola, essere luce. Infine c’è chi cade, tutti prima o poi cadono, ma nessuna caduta impedisce di “farsi vivi”.

Seguirà brindisi finale.

 

Chandra Livia Candiani è nata a Milano nel 1952. È traduttrice di testi buddhisti e tiene corsi di meditazione. Ha pubblicato le raccolte di poesia: Io con vestito leggero (Campanotto 2005), La nave di nebbia (Vivarium 2006), La porta (Vivarium 2006), Bevendo il tè con i morti (Viennepierre 2007, Interlinea 2015) e La bambina pugile ovvero La precisione dell’amore (Einaudi 2014). Da anni tiene corsi di poesia presso alcune scuole elementari di Milano: da questa esperienza è nata l’antologia, curata da lei e Andrea Cirolla, Ma dove sono le parole? (Effigie 2015) che raccoglie poesie scritte dai bambini.

 

Frigoriferi Milanesi – Sala Carroponte, via Piranesi 10 – Milano
Passante Ferroviario/Porta Vittoria – Autobus/73 e 90 – Tram/12-27