Da Omero in poi, le parole composte con il suffisso Philo
servivano a descrivere l'atteggiamento di chi faccia coincidere il proprio interesse, il proprio piacere, la propria ragione di vita con una determinata attività.
Pierre Hadot

Scuola ABOF
Programma quadriennale
Ammissioni
Docenti e collaboratori
Calendario lezioni
 
Scuola MITOBIOGRAFICA
 
Centro culturale Philo
Calendario eventi
Archivio eventi
Pratiche filosofiche
 
Sportelli per l'ascolto
 
Pubblicazioni Philo
Sede
 
NEWSLETTER
SITI CONSIGLIATI
HOME PAGE

 

 

Per conoscere la mitobiografia così come viene proposta da Philo e in particolare dalla Scuola Mitobiografica vedi il libro

Qual è il tuo mito? (Mimesis 2016), a cura di Susanna Fresko e Chiara Mirabelli, con saggi di I. Carlot, M. Diana, S. Fresko, R. Màdera, C. Mirabelli, M. Montanari, I. Paterlini

 

MITOBIOGRAFICA - SCUOLA DEL MESTIERE DI VIVERE

 

Clicca sui link qui sotto per leggere le singole sezioni:

 

Che cosa è Mitobiografica


Il programma triennale della scuola
Ammissioni e costi
Docenti e collaboratori
Calendario generale dei 3 anni

 

Calendario 2016-2017

Programma 2016-2017

 

Calendario 2017-2018


Contatti e sede

 

 

Sull’ampio senso che a Philo diamo a “mito” (e per non confonderlo con il solo significato che a “mitologia” più comunemente si dà) si veda ad esempio l'intervista di Cinzia Figus a Susanna Fresko e Chiara Mirabelli: "Trova i miti che ti rappresentano"

 

Cominciare da se stessi, ma non finire con se stessi; 
prendersi come punto di partenza, ma non come meta; 
conoscersi, ma non preoccuparsi di sé
”.
( Martin Buber, Il cammino dell’uomo)

Che cosa è Mitobiografica

 

È un paradosso: frequentare una scuola per apprendere ciò che non si può insegnare, il mestiere di vivere. Non esistono professionisti della vita, rispetto alla quale siamo tutti dilettanti. Il mestiere di vivere s’impara vivendo, procedendo per tentativi ed errori, correzioni e rielaborazioni, raccontando la propria storia senza raccontarsi storie.
Mestiere deriva dal latino “ministerium”, servizio; al servizio di cosa dunque mettiamo la nostra vita? A guidarci una vocazione esistenziale, un mito. Mitobiografica è uno spazio in cui incontrarsi per imparare a comporre la propria storia, per non correre il rischio che siano altri a scriverla per noi. Coltivare queste domande e provare a dargli risposta.
Ci orientano in questa ricerca l’esperienza delle scuole di filosofia antica, il riferimento alle pratiche filosofiche antiche e rinnovate e, insieme, l’idea di Jung di una scuola che s’interroghi sul senso della vita, sul mito che la muove.
“Ma allora qual è il tuo mito?” si chiede Jung nel 1912, in un momento di grande spaesamento individuale e collettivo. Questa domanda, oggi come allora, segna il disorientamento e insieme fornisce la bussola per ritrovare la via.
Scoprire e perseguire il proprio mito personale significa riconoscere che la nostra vicenda biografica non inizia e non termina con noi, ma s’innesta in un più vasto ordito di relazioni (biologiche, storiche, culturali, sociali, simboliche) che la sostanziano, e alle quali nello stesso tempo ciascuno di noi contribuisce a dare forma e significato con la propria vita. 
“Alcuni mesi fa ho sentito vivere in me una particolare costellazione che trae la sua vita attraverso le generazioni [...]. Ho potuto sentire come uomini di passate generazioni avessero da rappresentare prima di me la stessa problematica, mi somigliassero, avessero gli stessi problemi miei…”.

Queste parole di Ernst Bernhard (Mitobiografia, Adelphi, 1969) tracciano bene l’orizzonte di senso entro cui la scuola lavora: si tratta di riconoscere nella propria storia individuale il senso dell’appartenenza al mondo, di una essenziale e salutare interdipendenza reciproca. Per cominciare da se stessi, ma non finire con se stessi.

 

Mitobiografica si struttura intorno a quattro assi portanti:
RADICI – Vite narrate: la propria storia di vita letta alla luce del passaggio cruciale dall’autobiografia alla mitobiografia. Una ricerca, nell’intimo, del proprio posto e compito nel mondo.
ANIMA – Spiritualità laica: il ruolo del sacro e dello spirito in una prospettiva laica, di dialogo con le religioni e ogni altra forma di sapienza, oltre le appartenenze, verso una identità sincretica.
LUOGO – Abitare il mondo: comprendere il mondo in cui viviamo e la modernità che abitiamo e che ci abita, per divenire ed essere cittadini consapevoli e responsabili di quella “polis” che è il mondo intero.
ORIZZONTI – Vocazioni umane: indagine delle diverse prospettive di senso offerte dalle nostre tradizioni culturali, alla ricerca di caratteristiche costanti e invarianti che ci rendono tutti parte di un’unica famiglia umana. 

 

Il programma triennale della scuola

 

Primo e secondo anno
Ciascuno dei primi due anni prevede
4 giornate (32 ore complessive) nei fine settimana e nella Sede di Philo, esclusive per gli/le allievi/e di Mitobiografica, a cadenza bimensile tra settembre e maggio (con Massimo Diana, Susanna Fresko e Moreno Montanari);
iniziative a scelta (40 ore complessive): ogni allievo deve sommare alle 4 giornate di formazione 40 ore (inclusa nella quota di iscrizione) tra le proposte formative del calendario annuale del Centro culturale di Philo
3 giornate residenziali a giugno, esclusive per gli/le allievi/e con i tre docenti responsabili.

Nell'insieme la scuola prevede dunque 96 ore annue di formazione.
Ciascun iscritto, con la supervisione del tutor, personalizzerà quindi un terzo del proprio percorso formativo scegliendo tra le proposte del Centro culturale di Philo.
Il piano di studi personalizzato andrà concordato e periodicamente verificato con il proprio tutor.

Terzo anno
Il terzo anno prevede un lavoro di Analisi biografica a orientamento filosofico in gruppo, con 8 incontri di mezza giornata l’uno a cadenza mensile, e 1 giornata conclusiva (per un totale di 40 ore). 
Obiettivo di questi incontri è “comporre la propria storia”, tessere le fila di quanto osservato e raccolto nei due anni precedenti, andando a centrare lo sguardo sulle trame mitobiografiche emerse per ciascuno degli allievi e per il gruppo. Ogni allievo concluderà il percorso triennale con la presentazione di un proprio lavoro di carattere mitobiografico, elaborato con l’accompagnamento del proprio tutor. 


Ammissioni e costi


Ai fini dell’ammissione a Mitobiografica, si terrà conto delle specifiche competenze e motivazioni individuali.


Le iscrizioni sono aperte tutto l'anno, durante il quale si svolgono colloqui di ammissione per l'anno che inizia l'ottobre a seguire. 

Si prevedono infatti colloqui individuali in ingresso, per valutare e promuovere le specifiche competenze individuali di ciascun iscritto.

 

Per iscrizioni scrivere a: mitobiografica@scuolaphilo.it

Costi: 1.400 € annui per i primi due anni; 750 € per il terzo anno.

 

Docenti e collaboratori


Tre sono i docenti che garantiscono continuità e uniformità all’intero percorso di Mitobiografica - Scuola del mestiere di vivere: Massimo Diana; Susanna Fresko; Moreno Montanari.

A questi si aggiungono i docenti della Scuola in Analisi biografica a orientamento filosofico e i collaboratori di Philo, ossia i conduttori e relatori nei diversi eventi e seminari del Centro culturale di Philo. 

 

Calendario

 

Mitobiografica, si struttura secondo un percorso triennale che ha inizio ogni anno a ottobre (il primo ciclo è iniziato nell'ottobre 2016).
I primi due anni prevedono 9 giornate di formazione in aula più un seminario residenziale di 3 giorni, a giugno.
Il terzo anno prevede 8 incontri di mezza giornata secondo il metodo dell’Analisi biografica a orientamento filosofico di gruppo, più 1 giornata intera conclusiva.

 

Calendario 2016-2017

Programma 2016-2017

 

Calendario 2017-2018

 

 

Contatti e sede

Per informazioni scrivere a: mitobiografica@scuolaphilo.it

Sede: Philo, via Piranesi 10/12 Milano.